Le Dogane segnalano un exploit (+332%) nei riconoscimenti dello status di esportatore autorizzato

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha fatto sapere che è stato registrato un “notevole incremento del riconoscimento dello status di Esportatore Autorizzato alle aziende che ne hanno fatto richiesta. La campagna di sensibilizzazione di ADM rispetto ai benefici connessi all’utilizzo delle procedure di semplificazione all’export ha determinato un trend di crescita del 332% di autorizzazioni concesse. Si è registrato nel 2020 un numero di autorizzazioni pari a 2.281, rispetto alle 687 del 2019”.

Lo status di Esportatore autorizzato facilita lo scambio di merci di origine preferenziale tra le imprese nazionali e quelle dei paesi che hanno sottoscritto con la Unione Europea accordi di partenariato in materia di origine.

“La fluidità dello sdoganamento all’esportazione e l’esenzione daziaria, nel paese di destinazione, dei prodotti che più tipicamente contraddistinguono la produzione nazionale assumono un ruolo fondamentale per il rilancio dell’economia italiana anche in relazione al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – Pnrr” conclude una nota delle Dogane.

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter di Supply Chain Italy