Circa 800 Mln di euro dalle vendite all’estero su Amazon per le Pmi italiane nel 2021

Nel 2021, oltre 20.000 piccole e medie imprese italiane hanno venduto su Amazon, registrando ricavi dall’estero per circa 800 milioni di euro. Lo ha reso noto lo stesso gruppo statunitense nel suo report annuale 2022 sulle attività delle Pmi.

In particolare 60 milioni di euro sono stati ottenuti al di fuori dell’Unione Europea, un risultato che secondo l’azienda è in linea con il più ampio obiettivo di portare i partner a raggiungere gli 1,2 miliardi di export all’anno entro il 2025.

Secondo il report, inoltre, nel 2021 più di 200 Pmi italiane presenti sul portale hanno superato per la prima volta il milione di euro di vendite, mentre circa 5.000 hanno superato i 100 mila euro. La vendita media per azienda è stata oltre 175.000 euro.

Le cinque categorie di prodotto di maggior successo all’estero sono state: Casa e Cucina; Bellezza; Sport e Tempo Libero; Industria e Scienza; Salute e Cura della persona, mentre l’analisi delle vendite all’estero per regione vede al primo posto la Lombardia (oltre 125 milioni di euro), seguita da Campania (120 milioni) e Lazio (70 milioni). La classifica prosegue con Veneto (70 milioni), Piemonte (50 milioni), Toscana (oltre 50 milioni), Puglia (oltre 50 milioni), Emilia-Romagna (oltre 40 milioni) e Sicilia (oltre 25 milioni).

Una analisi ancora più puntuale indica inoltre che la città con più alto numero di Pmi presenti su Amazon e con maggiori vendite all’estero è Napoli, con oltre 1.750 imprese e oltre 80 milioni di euro di ricavi. Seguono Roma (1.500 Pmi, 50 milioni), Milano (1.250 Pmi, circa 50 milioni), Torino (circa 750 Pmi, 35 milioni), Bari (600 Pmi, 20 milioni), Firenze (350 Pmi, 15 milioni di vendite all’estero), Bologna (350 imprese, 11 milioni) e infine Palermo (oltre 300 Pmi e più di 6 milioni di vendite all’estero).

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI SUPPLY CHAIN ITALY

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter di Supply Chain Italy