Dal programma Smarter Italy 6 Mln per il miglioramento della mobilità urbana delle merci

Nell’ambito del programma Smarter Mobility, promosso dai Ministri dello Sviluppo economico, dell’Università e della ricerca e per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, è stato lanciato il secondo bando dedicato alla mobilità urbana delle merci.
Circa 6,033 milioni di euro sono stati messi a disposizione per lo studio di soluzioni sostenibili, dal punto di vista economico e ambientale, volte a “mitigare le problematiche tipiche delle consegne nell’ultimo miglio”, “fornire soluzioni concrete volte a favorire nuove iniziative commerciali” e infine a “ottimizzare il trasporto di mezzi e persone”.

Più nel dettaglio il bando si propone di sostenere lo sviluppo di piattaforma innovativa “in grado di abilitare lo sviluppo della mobilità urbana sostenibile delle merci, permettendo l’adozione di scelte, strategie, provvedimenti, interventi atti a perseguire la riduzione del numero di mezzi circolanti, a parità di volumi di merci trasportate e l’adozione di soluzioni caratterizzate da una minore impronta ambientale.

L’appalto si articolerà in tre fasi – ricerca e sviluppo, test, messa in esercizio – ed è rivolto a operatori di varia natura – imprese, università, centri di ricerca, enti del terzo settore, persone fisiche – che dovranno farsi avanti entro il prossimo 28 ottobre.

In particolare la sperimentazione delle soluzioni potrà avvenire nei comuni di L’Aquila, Bari, Cagliari, Catania, Genova, Matera, Modena, Milano, Prato, Roma, Torino così come nei cosiddetti Borghi del Futuro ( Alghero, Bardonecchia, Campobasso, Carbonia, Cetraro, Concorezzo, Ginosa, Grottammare, Otranto, Pantelleria, Pietrelcina, Sestri Levante), ovvero i 12 comuni tra i 3 e i 60mila abitanti che hanno aderito al programma Smarter Italy per realizzare servizi innovativi nei settori della mobilità, dell’ambiente, del benessere dei cittadini e della cultura.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI SUPPLY CHAIN ITALY

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter di Supply Chain Italy