Pitney Bowes: 1,4 miliardi i pacchi spediti in Italia nel 2021

Nel 2021, nel mondo, sono stati spediti in media 5.000 pacchi al secondo, 46 dei quali in Italia.

I dati sono riportati nell’ultimo Parcel Shipping Index elaborato da Pitney Bowes, società statunitense quotata sui listini del Nyse che opera nel settore, fornendo anche servizi postali e per e-commerce.

Secondo l’analisi – che prende in considerazione gli invii b2c, b2b, c2b, nonché quelli c2c di pacchi di massimo 31,5 kg in 13 tra i mercati mondiali principali – complessivamente in Italia lo scorso anno le spedizioni sono ammontate a 1,4 miliardi, appunto 46 al secondo per 4 milioni di invii al giorno. La media è di 24 spedizioni all’anno per persona e di 55 per nucleo familiare.

Nel complesso il ritratto del 2021 fatto dallo studio è quello di un anno chiave per il settore, lievitato, dopo il crollo del 2020, del 21% fino a 159 miliardi di invii.
Il mercato principale è sempre più quello cinese, che da solo ha generato 108 miliardi di spedizioni, ovvero circa 300 milioni al giorno, e cresce del 30% rispetto all’anno precedente. Si tratta di volumi – evidenzia il report – superiori a quelli delle spedizioni gestite in un intero anno in Svezia, il mercato più piccolo dei 13 analizzati (ma anche il più vivace, +33% sul 2021). Per numero di operazioni gli altri mercati in cima alla classifica sono poi Stati Uniti (21,5 miliardi) e il Giappone (9 miliardi).
Restando in Europa, ha volumi inferiori a quelli italiani, oltre alla Svezia, solo la Norvegia (114 milioni). Ben più grandi risultano invece i mercati di Regno Unito (con 5,4 miliardi di pacchi spediti all’anno, che lo porta ad avere il maggior numero di unità pro capite tra i 13 paesi analizzati, ovvero 80) e Germania (4,5 miliardi), mentre la Francia ne ha gestiti per 1,7 miliardi.

Il report di Pitney Bowes evidenzia infine come nel 2021 i ricavi generati da questa attività a livello globale siano stati pari a 491 miliardi di dollari, ovvero il 17% in più del 2020, dei quali 188 riconducibili al solo mercato statunitense.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI SUPPLY CHAIN ITALY

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter di Supply Chain Italy